Rispetto per la dignità dei migranti e richiedenti asilo

English | Italian | Francais

PETIZIONE 

Nei giorni scorsi il Ministro italiano ha iniziato a sfrattare decine di richiedenti asilo dal centro per i rifugiati. Senza alcun preavviso, le famiglie che vivevano da anni nel CARA di Castelnuovo di Porto a Roma sono state allontanate dalle proprie abitazioni e trasferite con la forza.

Nessuno sa dove saranno trasferite. Si tratta di persone vulnerabili, comprese le vittime della tratta a scopo di sfruttamento sessuale e i bambini con problemi di salute mentale: non si tratta di un evento isolato. In tutta Europa, i diritti dei richiedenti asilo vengono erosi.

Dobbiamo garantire i diritti, la dignità e la protezione dei richiedenti asilo in Europa.  E abbiamo a disposizione una parte della soluzione.

Nel 2013 è stata istituita la direttiva sulle condizioni di accoglienza (direttiva 2013/33/UE) al fine di stabilire un adeguato livello di vita e di accoglienza per le persone che chiedono asilo nell'Unione europea. Questa direttiva obbliga gli Stati membri a garantire un livello di vita adeguato per i richiedenti asilo in Europa, compresi l'istruzione, l'assistenza sanitaria e l'alloggio.

Dal 2016 la direttiva sulle condizioni di accoglienza è in corso di revisione. Il Parlamento europeo ha proposto di migliorare le condizioni di accoglienza dei rifugiati e dei richiedenti asilo.  Tuttavia, la proposta è stata bloccata perché gli Stati membri rifiutano di adottare una riforma organica per stabilire un sistema europeo comune d’asilo.
Questo consente ai paesi europei, come l'Italia e la Grecia, di privare i richiedenti asilo dei diritti senza ripercussioni.

Chiediamo quindi agli Stati membri e al Consiglio europeo di:

  • adempiere al loro obbligo di garantire ai richiedenti asilo un livello di vita adeguato.
  • adottare un sistema comune europeo d’asilo, compresi la direttiva sulle condizioni di accoglienza e il regolamento di Dublino, al fine di proteggere i diritti dei richiedenti asilo in tutta Europa, nel pieno rispetto del principio di solidarietà.

Firmi?